Blog Interviste

Intervista a Antonio McVillan di Tuballoswing

#NoiSosteniamoilRenny

— A cura di

Copertina intervista - Renny Firenze - Tuballoswing - Swing Fever

Un luogo dove si celebrano musica, ballo, gioia, aggregazione tra diverse culture e generazioni, con il rispetto e l’armonia d’altri tempi quasi dimenticati. Stiamo parlando del Renny di Firenze… scopriamo tutto su di lui dalla voce del suo gestore Antonio McVIllan.

Ciao Antonio, e ben trovato! Una domanda banale ma nemmeno troppo in questo periodo…come stai?

Antonio McVillan

Ciao a tutti! Grazie per questa intervista. E’ un periodo impegnativo e dobbiamo cercare di pensare positivo, continuare a porsi obiettivi da raggiungere in modo da non cadere nella negatività, anche con le restrizioni che questa emergenza sanitaria ci impone.

L’intervista di oggi è dedicata ad un luogo molto importante per la città di Firenze e non solo, il Renaissance, meglio conosciuto comeRenny”. Raccontaci quando e come è nato e il perché del suo nome.

Antonio McVillan

Il Renny è nato circa tre anni fa nei nostri sogni quando non riuscivamo a trovare un luogo a Firenze per poter ballare, ascoltare musica, studiare e praticare. Poi è arrivato il momento di concretizzarlo e dopo lunghe ricerche per trovare un edificio che potesse rispecchiare i nostri canoni ed esigenze per caso passeggiando ci viene in mente un vecchio studio di registrazione in disuso che aveva anche un salone per concerti live. È stata come un’illuminazione, una rinascita. Abbiamo sentito di aver trovato il luogo ideale, e nel giro di cinque mesi abbiamo inaugurato, il 29 settembre del 2018, la nostra casa. impone.

Il nome è stato abbastanza facile: siamo a Firenze la culla del Rinascimento, volevamo un luogo di aggregazione di cultura, musica arte ballo, da dieci anni con Tuballoswing abbiamo sempre cercato di far riscoprire e riportare in voga i balli della Swing Era e così… facendo due più due con il presente e con la storia, il Renaissance, ovvero il movimento artistico culturale afro-americano nato ad Harlem negli anni venti, nonché la storica Ballroom dove Frankie Manning frequentò le prime serate di ballo, ci sembrava perfetto! Leggendo la sua biografia ogni parola che descriveva il luogo che anche i ballerini di quel tempo chiamavano amichevolmente “Renny”, ci sembrava coincidere esattamente con ciò che volevamo realizzare. Dopo questo periodo di emergenza, vorremmo che avesse anche un nuovo significato, ovvero il luogo dove poter ritornare e vivere la nuova libertà post virus.

E noi tutti lo speriamo! Ma qual è quindi l’obiettivo principale per cui avete deciso di dare avvio a questo progetto?

Antonio McVillan

L’intento era ed è di creare a Firenze un luogo dove appassionati, ballerini, amanti della musica, artisti di generazioni diverse potessero trovare disponibilità di spazi, di strumenti e di espressione. Un luogo di integrazione in cui sentirsi a casa e svolgere molteplici attività sportive e culturali, un centro polifunzionale, un laboratorio creativo dove esperienze e progetti si incontrano, dove artisti trovano disponibilità di spazi, di strumenti e di espressione.

Foto di Renny Firenze - Swing Fever
Renny Renaissance Firence

Infatti il Renny è molto di più che una sala da ballo e un luogo di aggregazione per gli appassionati di ballo swing

Antonio McVillan

Il Renny non si limita ad essere una sala da ballo ma un luogo che, nel nome della musica, non presta attenzione alle differenze di razza e di cultura proprio come accadde negli anni Trenta.

Un Luogo dove si celebra la musica e il ballo, ma anche la gioia, l’aggregazione tra diverse culture e generazioni, la buona educazione, dove tutti possono divertirsi assieme, un posto dove si socializza in modo sano, con rispetto e armonia d’altri tempi quasi dimenticati. Dove chiunque può esprimere le proprie idee e far diventare realtà i propri sogni.

Purtroppo, come per tutti i luoghi che svolgevano questo importante ruolo sociale, immaginiamo che l’emergenza Covid-19 e soprattutto le necessarie restrizioni sanitarie prese per arginare la pandemia abbiano avuto un forte impatto sul Renny. Come state affrontando la situazione?

Antonio McVillan

Con la pandemia e le misure di prevenzione sanitaria necessarie per contenere il rischio contagio, tutte le attività che si svolgevano al suo interno si sono fermate e conseguentemente anche la capacità di sostentamento. Tramite Tuballoswing che per primo si fa carico delle spese di mantenimento, sin dai primi giorni abbiamo iniziato con lezioni online, dirette sui social, eventi sulle piattaforme web ed è stato subito un successo, un’occasione di vitalità e svago nel momento di reclusione, per noi stessi oltre che per i frequentatori dei nostri corsi. Tutto questo per tenere la comunità unita e attiva nel condividere la stessa passione anche in una dimensione nuova e completamente diversa anche se non potrà mai sostituire l’energia che si crea con il contatto umano e dentro le mura del Renny!

Sappiamo che qualche giorno fa avete anche lanciato un’iniziativa molto importante in favore del Renny, raccontaci tutti i dettagli.

Antonio McVillan

In una situazione di crisi generale, nel suo piccolo e nel suo grande, anche questo luogo risente pesantemente di questo periodo di isolamento. Pur non sapendo ancora quando e come si potrà riaprire, sappiamo che le spese ci sono lo stesso, e ingenti, anche a stare chiusi. Abbiamo lanciato un crowdfunding per riuscire a coprire queste spese fisse e che non si sono fermate. E questo purtroppo è un momento di passaggio critico per il quale chiediamo il sostegno di tutti: sia a coloro che ci hanno trascorso una serata o un anno intero, a chi ne ha semplicemente sentito parlare, a chi vorrebbe scoprirlo, a coloro che hanno organizzato eventi, corsi, attività, a coloro che li hanno frequentati o che li frequentano, a chi fa Hip Hop o vuole conoscere le Danze del Sud, a chi ama il Tango, lo Swing la Tap Dance o vuole cimentarsi con il canto o imparare a suonare l’Ukulele, per chi ama fare Yoga, Feldenkrais e l’energia che questo luogo trasmette… per chi ha piacere che esista un luogo dove poter continuare a vivere eventi e serate di bella musica e stile.

Siete soddisfatti del riscontro che avete ricevuto fino ad ora? C’è qualche particolare reazione o commento all’iniziativa, messaggi di supporto ricevuti, che ti va di condividere con noi?

Antonio McVillan

Abbiamo lanciato la campagna solo pochi giorni fa ai nostri contatti stretti e abbiamo raggiunto oltre 4mila euro, impensabile! Abbiamo ricevuto messaggi bellissimi, di gratitudine e incoraggianti, che esprimono quanto è fondamentale il ruolo che una scuola e un luogo ha in chi lo frequenta: “avervi incontrato ha arricchito la nostra vita… quando sappiamo di aver lezione la giornata passa più in fretta e più in allegria… è il primo luogo dove ci siamo sentiti accolti… dove abbiamo trovato nutrimento e calore umano… siete gioia, vita, condivisione, profondità, passione, entusiasmo e siamo davvero grati di essere capitati li… Reputo il Renny una realtà bella e positiva da salvare e proteggere… Mi ha aiutato in un momento di difficoltà e così stavolta voglio ricambiare l’aiuto… La prima volta al Renny non riuscivo a capacitarmi di cosa stavo vivendo, e pensai “Se la vita fosse sempre così sarebbe il Paradiso Terrestre”.

Non possiamo che condividere queste parole, mai come in questo momento la “lontananza” da luoghi come il Renny in cui poter condividere ballo, musica, ma anche semplicemente chiacchiere, sorrisi, idee, fa emergere ancora di più il loro valore. Ci auguriamo che il suo cuore continui a battere e che continui ad essere simbolo di rinascita per la comunità swing e non solo. In bocca al lupo!

Antonio McVillan

Grazie a tutto il Team Swing Fever, grazie per avermi dato la possibilità di condividere il progetto Renny e aspetto tutti voi e tutti gli appassionati del mondo Swing alla gigantesca festa di riapertura che organizzeremo quando saremo usciti da questa emergenza. Per ora un grande abbraccio a tutti a più di un metro di distanza!

— Articolo pubblicato il 26 Aprile 2020

Renaissance Renny Firenze

Altri contenuti in Interviste

Swing, Sport e Integrazione

Scopri

Intervista alla Band The Monkey Swingers

Scopri

Una “famiglia swing” dove sono tutti benvenuti!

Scopri

Impara a ballare

Trova la scuola di ballo più vicina a te e prenota una lezione di prova

Scuole di ballo

Moda anni ‘20 - ‘60

Tutto sull’abbigliamento e lo stile dagli anni ‘20 agli anni ‘60

Abbigliamento

Eventi e Festival

Scopri gli eventi, i festival e i workshop in Italia e nel mondo

Festival e Workshop Eventi