Blog Interviste

Intervista a Annalena Berton di Quelli di via Oldrado

“Quelli che quel giorno si ritrovarono in quella via”… Quelli di via Oldrado

Quelli di via Oldrado, una fusione di artisti e danzatori tra balli swing, hip hop, pilates.

17 Febbraio 2019 / Di

Foto di Quelli di via Oldrado

Abbiamo intervistato Annalena Berton, non solo ballerina ma anche fondatrice e direttore artistico nel 2013 della dance crew milanese.

Buongiorno Annalena, piacere di conoscerti! Basta una veloce occhiata alla tua pagina facebook per capire che quest’anno è iniziato per te alla grande! Una miriade di eventi, corsi, workshop… Quali sono i nuovi progetti e corsi che hai avviato per il 2018/2019?

Annalena Berton

Sì, sono molto entusiasta di come abbiamo iniziato questa nuova stagione. Parallelamente all’apertura di nuovi corsi e nuove collaborazioni, abbiamo avviato un progetto coreografico con i componenti della mia crew.

In fondo all’intervista troverete il teaser della nostra prima creazione coreografica. Per il resto non voglio anticipare altro… Stay Tuned!!

Annalena Berton - Quelli di via Oldrado
Quelli di via Oldrado – Annalena Berton

Non vediamo l’ora di scoprire cosa ci riserverete allora! Una cosa però la sappiamo, nelle vostre apparizioni vi abbiamo visto più volte esibirvi in altri stili di ballo, diversi dallo “swing classico” che comunemente vediamo ballare in pista. Come mai questa scelta?

Annalena Berton

È vero, anche se nel nostro ultimo spettacolo abbiamo volutamente scelto di tornare alle origini, scegliendo passi e figure appartenenti al repertorio di Lindy Hop più classico e meno contaminato.

Guardando i nostri spettacoli precedenti sono evidenti le contaminazioni provenienti da altri generi di ballo. Il motivo principale è che io stessa, in primis, adoro le danze urbane, soprattutto l’Hip Hop. Ad un primo sguardo, le danze cosiddette swing e quelle urbane, sembrerebbero non avere nulla in comune ma a mio avviso, non è proprio così.

Scavando a fondo, il denominatore comune è la musica, o meglio, il Blues.

Il Blues non è solo il padre fondatore del Jazz, dal suo “albero” si sono sviluppati molti rami, uno utilizzato proprio dai B-boy di tutta Europa durante i contest di breakdance intorno agli anni 90′, il Rhythm & Blues.

Ancora una volta, nella mia esperienza personale ho potuto constatare delle similitudini tra i passi di hip hop che studiavo in accademia e quelli che ho imparato successivamente studiando alcune routine di solo Jazz. Per esempio quello che nell’Hip hop si chiama Box step, nell’Authentic Jazz si chiama Jazz Box. Cambia indubbiamente l’attitudine nell’esecuzione, ma la matrice del passo è la stessa.

Concludo questo piccolo inciso sulle contaminazioni tra i vari stili di ballo dicendo che studiare più stili secondo me, aumenta il “bagaglio” personale di ogni ballerino che all’occorrenza potrà attingere alla propria “valigia” tirando fuori un passo che magari non è propriamente di quella  disciplina ma se comunque pertinente, sarà proprio l’asso nella manica.

Grazie mille per questa tua spiegazione! Annalena, parlando del tuo progetto, possiamo dire che la forza della vostra “crew” risiede proprio nella coesione del gruppo?

Annalena Berton

Assolutamente sì!! Nessuna affermazione è mai stata più vera!! A tale proposito vi invito a leggere una piccolo paragrafo che ho scritto qualche settimana fa che parla proprio di questo. Lo trovate sulla nostra pagina Facebook e in foto.

Quelli di via Oldrado – La storia

Bellissime parole, non potevi descrivere la vostra coesione in altro modo. Qual è il tuo consiglio per i tuoi allievi invece?

Annalena Berton

Di non perdere mai la passione!! Di non ballare con lo scopo di stupire qualcuno!

Al contrario dico sempre ai nostri allievi di sentire e non di eseguire. Di sentire la musica, di sentire il proprio corpo attraverso il peso che si sposta nello spazio, di sentire il partner cercando un dialogo. Solo attraverso il dialogo possiamo ancora trovare un po’ di magia… quella dell’improvvisazione.

Che dire, grazie per la magia che ci hai regalato, e complimenti a te e a tutta la crew! A presto e in bocca al lupo!

© 2019/2022 swingfever.it. Tutti i diritti riservati.

Altri contenuti in Interviste

Il Jazz: una forma d’arte che ci consente di essere liberi

Scopri

Tra sonorità vintage e ritmi elettronici

Scopri

Spaghetti… fuori dagli schemi!

Scopri

Impara a ballare

Trova la scuola di ballo più vicina a te e prenota una lezione di prova

Scuole di ballo

Moda anni ‘20 - ‘60

Tutto sull’abbigliamento e lo stile dagli anni ‘20 agli anni ‘60

Vintage Shopping Stile

Eventi e Festival

Scopri gli eventi, i festival e i workshop in Italia e nel mondo

Festival e Workshop Eventi